Una Venere Italica…per caso

La Venere Italica del Canova, nata da un capriccio dei fiorentini…..

Venere Italica

E per fortuna che sono capricciosi!!!

Ma facciamo un passo indietro, esattamente agli inizi del 1800.

A Firenze era gi? presente la Venere Medici, una statua di epoca ellenistica quindi del I secolo a.C. conservata agli Uffizi.

Pare che Napoleone , dopo aver conquistato l’Italia, decise di farsi consegnare varie opere di grande importanza. Tra queste volle anche la Venere Medici.

Ovviamente la cosa non piacque ai fiorentini che fecero di tutto per salvarla: la imbarcarono su una nave con l’intenzione di nasconderla a Palermo.

Ma, niente. Napoleone intercett? al nave e la Venere Medici fu portata in Francia.

I fiorentini protestarono tanto che l’artista Antonio Canova decise di fare una statua ispirata a quella rubata, per poterla sostituire.

Cio’ che cre? fu un capolavoro di bravura e bellezza che ora si pu? ammirare alla Galleria Palatina.

Caduto l’impero di Napoleone per?, anche la Venere Medici torn? a casa, grazie al patto di famiglia firmato da Maria Luisa De Medici con la famiglia Lorena al loro arrivo a Firenze.

Grazie a Maria Luisa de Medici e al “capriccio” dei fiorentini, ora entrambe le opere d’arte si trovano a Firenze.

Capricciosi si, ma va bene cosi !!!

Leave a Comment