CERAMICA A FIRENZE

Oggi vi racconta della tradizione della ceramica a Firenze.

Ho già parlato di questa splendida tradizione in Toscana, ma oggi vi racconto di una brava artigiana che lavora a Firenze.

Ceramica a Firenze

UNA PASSIONE DI FAMIGLIA

Ambra ha aperto il suo laboratorio nel 1999.

Ma la sua storia con al ceramica inizia molto prima.

Già il nonno era ceramista, un addetto al forno.

Il papà di Ambra ha seguito le orme del padre ma ha fatto un passo avanti.

E’ diventato infatti decoratore e con il tempo ha aperto la sua azienda.

Ambra ha fatto studi completamente diversi e lontani dal mondo dell’arte.

Ma ha lavorato un anno nell’azienda di famiglia ed è sbocciato l’amore per questo mondo.

Durante questo anno Ambra ha potuto scoprire quanta attenzione ci vuole per creare un oggetto di qualità.

Dalla scelta delle materie prime, il percorso per fare essiccare le materie, la cottura in forno per rendere le creazioni resistenti. Nulla è lasciato al caso.

Dopo aver fatto questo percorso di apprendimento nell’azienda di famiglia, nel 1999 Ambra ha deciso di aprire il suo laboratorio per dare il via libera alla sua vena artistica.

LO STILE DI AMBRA

Ambra si ispira molto alla maiolica di Montelupo che è un piccolo comune in provincia di Firenze e che fu uno dei principali centri di produzione di maiolica del Rinascimento.

Nel 1400 si contavano a Montelupo più di 50 fornaci e la produzione era rivolta in gran parte all’esportazione.

Sono stati infatti ritrovati pezzi di ceramica montelupina nell’America Centrale, nelle Filippine, in Scozia.

Quindi si tratta di un tipo di lavorazione che rappresenta una delle tradizioni più longeve della Toscana.

Dopo un primo periodo in cui le creazioni di Ambra erano indirizzate a oggetti ornamentali, ha poi cominciato dare spazio alla sua fantasia per fare oggetti suoi.

Si ispira molto all’arte del 1500 e non solo dalla ceramica.

Studia un particolare antico, un piatto, una decorazione e trae ispirazione per creare qualcosa di nuovo.

Ambra ama le contaminazioni che le permettono di arrivare sempre a un oggetto originale e unico.

Ambra ama anche la natura, che ci offre tanti spunti simbolici: le farfalle simbolo di rinascita, il grano simbolo di prosperità, i girasoli che trasmettono vita e calore.

Tutte queste forme e colori sono magistralmente amalgamati nelle sue creazioni.

Nel suo laboratorio nel centro di Firenze è possibile assistere a delle dimostrazioni in cui si può ammirarla mentre crea e decora.

Potete visitare il suo sito, http://www.lemieceramiche.it/ per avere altre informazioni e i cuoi contatti.

FIRENZE E LA LANA

Fili di lana

Firenze e la lana si conoscono da secoli.

Non a caso l’arte della lana era una delle più importanti del Medioevo.

Arte della lana

Tanto da avere il patronato sulla Cattedrale Santa Maria del Fiore.

E scusate se è poco!

Ma si sa, la lavorazione dei tessuti qui a Firenze è iniziata addirittura in epoca romana.

E durante il Medioevo ha contribuito a rendere Firenze una delle città più importanti e ricche del 1200.

E ancora oggi molte strade della città hanno il nome di attività legate alla lavorazione della lana: via de’ cimatori, via de’ tintori.

Quindi anche in questo articolo vi parlo di un tipo di attività che ha origini nel passato.

FILI DI LANA

Fili di Lana e’ un’ azienda fiorentina che produce accessori di moda in filati pregiati, tutto con i loro straordinari telai.

E tutto rigorosamente Made in Italy.

Francesca, titolare dell’azienda assieme al marito Elio, mi ha raccontato che tutto è partito proprio da lui che già lavorava nel settore.

L’amore e la passione per il mondo dei filati li ha portati a rivolgere la loro attenzione su prodotti di qualità, filati pregiati.

Ma anche al rispetto per la tradizione.

Nel loro laboratorio, oltre a macchinari moderno, hanno 2 telai in legno che si usavano negli anni ‘40 e con cui riescono a riprodurre delle decorazioni molto particolari che solo questi teli sono in gradi di riprodurre.

Che dire, questo binomio tra tradizione ricerca di filati particolari mi ha affascinata.

Si parte da materie prime pregiate come cashmere, seta alpaca, lane merinos, lino che vengono selezionate e poi interamente lavorate all’interno dell’azienda in modo artigianale.

E per poter selezionare, lavorare tutti questi materiali e conservarne le qualità bisogna averne una grande conoscenza.

Con tutti questi splendidi e pregiati materiali creano stole, foulard, mantelle plaid, in un o stile classico ma che cerca anche di andare incontro alle tendenze.

Grazie a questa grande professionalità riescono a collaborare con importanti griffe di moda.

Francesca ha anche creato un outlet dove poter mostrare e proporre le loro creazioni.

Ovviamente si sono attrezzati anche per la vendita online.

Se state cercando un prodotto artigianale e di qualità, consiglio uno dei loro prodotti, magari per un regalo che resti nel tempo.

Vi lascio il link al loro sito dove troverete anche curiosità sulla storia e il funzionamento del telaio.

E se l’articolo vi piace, iscrivetevi alla news letter per ricevere i prossimi video.

FIRENZE E LA PELLE

Firenze e la pelle sono un binomio che va avanti da secoli.

Ogni anno arrivano a Firenze milioni di turisti che dopo aver ammirato le opere straordinarie che si trovano nei musei, dopo aver ascoltato le storie e gli aneddoti sui personaggi straordinari che hanno vissuto qui, dopo avere assaggiato le prelibatezze della cucina fiorentina….mi chiedono: “ dove posso acquistare una borsa in pelle? Ma quella buona!”

Eh già.

Firenze è famosa per la lavorazione della pelle, piena di negozi e bancarelle.

E c’è il rischio di perdersi tra tutta questa offerta.

Ed è per questo che io cerco gli artigiani, coloro che lavorano seguendo la tradizione.

Cosi come facevano i fiorentini di una volta.

FIRENZE E LA PELLE

Ed è in questo ambito che vi parlo di Roberta Firenze.

Roberta Firenze

Ma chi è Roberta?

Roberta è la nonna. Di Susanna che di secondo nome fa Roberta.

Quindi il nome è sicuramente giusto!

Vi voglio raccontare di un attività nata tanti anni fa da una coppia di artigiani del mondo della pelletteria che hanno poi trasmesso la passione a tutta la famiglia.

Oltre alla produzione hanno poi aperto alcuni punti vendita a Firenze che oggi sono portati avanti da Susanna, dal fratello e dal cugino.

Roberta era appunto il nome della nonna di Susanna e da cui è iniziata questa passione

Da sempre la famiglia ha cercato di portare avanti la tradizione del lavoro della pelle.

L’obiettivo di Roberta Firenze e’ mantenere alto il valore del Made in Italy con prodotti fatti con passione, con cura.

Per raggiungere questo obiettivo collaborano solo con artigiani che abbiano la stessa passione e che lavorino seguendo la tradizione.

La loro collezione e’ fatta di borse ma anche accessori come guanti, portafogli, cinture dal gusto elegante, classico ma anche pratici e funzionali.

Ultimamente hanno aggiunto alle collezioni anche prodotti come cappelli e foulard ovviamente tutti realizzati con materie prime di alta qualità e scelti con cura in modo da poter essere proposti in abbinamento ai loro prodotti in pelle.

Firenze e’ una città che offre tanto anche dal punto di vista dell’artigianato e quando accompagno i turisti per la città mi piace mostrare realtà come questa.

Nel sito di Roberta Firenze potete vedere i loro prodotti .

E se quando verrete a Firenze potremo andare a trovarli assieme.

Se l’articolo ti piace, iscriviti alla news letter per ricevere i prossimi.

FIRENZE E L’ARGENTO

L'argento Firenze

Firenze e l’argento vanno molto d’accordo. Anzi, si amano proprio.

La tradizione della lavorazione dei metalli preziosi, parte da lontano.

Nel Medioevo e nel Rinascimento le botteghe degli orafi erano scuola per gli aspiranti artisti che dovevano imparare la fusione, a cesellare i metalli, a incastonare, decorare e rifinire.

E da queste botteghe sono usciti grandi artisti come Lorenzo Ghiberti, Benvenuto Cellini e tanti altri.

Ebbene, questa tradizione continua tra le strade della Toscana.

Ed e’ a Tavarnelle in Val di Pesa, un grazioso paesino nel Chianti, che ho trovato L’Argento Firenze.

L’ARGENTO FIRENZE

L’Argento Firenze è una piccola azienda artigiana nata nel 1970 grazie a Paolo.

La lavorazione dei metalli preziosi è tradizione a Firenze. Come era nel passato lo è anche oggi, con L'argento Firenze.
Artigianato

Argentiere appassionato del suo mestiere, ha trasmesso la sua passione alla moglie Tatiana e poi anche alla figlia Caterina che ha continuato, con l’aiuto di collaboratori a portare avanti la bottega artigiana di famiglia.

E negli anni si e’ mantenuta questa tradizione artigianale nella lavorazione a mano, nella cura dei dettagli, nella ricerca di forme ispirate alla Toscana.

Tanta esperienza ma con un occhio alla tecnologia per rimanere sempre attuali.

E la produzione che propongono Caterina e la sua famiglia è vasta: dai piccoli oggetti per la casa, ciotole, cornici fino a portachiavi e bijou.

E su ogni oggetto che esce dalla sua bottega è impresso il marchio di identificazione 614*FI, uno dei più antichi di Firenze che garantisce la qualità del metallo.

L’argento e’ un metallo affascinante che emette una splendida luce, e’ anallergico, conduttore di calore.

Un metallo pieno di qualità ed e’ sempre bello da ammirare.

Le porte del laboratorio de L’Argento Firenze sono aperte per una visita per vedere come le abili mani degli artigiano attraverso varie fasi di lavorazione trasformano il metallo in un opera d’arte.

Contattatemi per una visita al laboratorio inviando una mail a info@yourfirenze.com.

Potete scoprire qualcosa di più su l’Argento Firenze su Facebook e Instagram.

Iscrivetevi alla news letter per ricevere i prossimi articoli.

ARTIGIANATO TOSCANO: LA PELLE

Oggi vi parlo di una delle eccellenze riguardo l’artigianato toscano e fiorentino: la lavorazione della pelle.

LA STORIA

La lavorazione del cuoio e della pelle arriva addirittura dal XIII secolo quando Firenze si distingueva già per questa attività.

Stemma Arte Vaiai e Pellicciai

Nella città erano presenti diverse concerie.

Ovviamente tutti gli artigiani del cuoio dovevano essere iscritti all’arte dei Vaiai e Pellicciai che deriva il suo nome dal vaio, uno scoiattolo grigio la cui pelle era usata per imbottire le divise militari, mentre la coda era usata per fare i pennelli dei pittori.

C’erano poi le lavorazioni più pregiate per cui si usava l’ermellino.

La lavorazione avveniva soprattutto nelle zone sulle rive dell’Arno in particolare nella zona di Piazza Santa Croce, che ancora oggi e’ conosciuta per i negozi di pelletteria.

Successivamente , nell’epoca del Granducato di Toscana , la lavorazione delle pelli si estese ad altre zone ed era considerata uno dei biglietti da visita del Granducato.

ARTIGIANATO TOSCANO OGGI

Oggi si parla proprio del “distretto del Cuoio” per descrivere l’area in cui si lavora il cuoio, che comprende zone di Pisa, Arezzo e ovviamente Firenze.

Ed e’ tra queste eccellenze che ho conosciuto Chiara e il suo Talento Fiorentino un brand giovane, che ispirandosi alla tradizione e alla bellezza di Firenze propone prodotti fatti interamente in Italia da abili artigiani che mettono in ogni loro lavoro passione e cura per il dettaglio per creare pezzi unici che tengano alta la qualità del Made in Italy.

Le pelli arrivano dalle concerie di Santa Croce sull’Arno e all’interno del laboratorio Chiara e i suoi collaboratori procedono a tutte le fasi di lavorazione: misurazione, livellatura, taglio e cucitura.

Tiratura della pelle
Lavorazioni della pelle: la tiratura

Misurazione e livellatura, nel caso la pelle che arriva dalle concerie sia troppo spessa.

Il taglio, che permette di di creare forme originali, viene fatto a mano con l’ausilio di forme in metallo che permettono un taglio più netto.

E infine la cucitura.

Tutto rigorosamente a mano!

Oltre ai prodotti in pelle Chiara e i suoi collaboratori propongono anche prodotti di maglieria, sciarpe e foulard, con lo stesso obiettivo di creare oggetti unici e ottimi rappresentanti del miglior Made in Italy.

Potete trovare qui prodotti di Chiara e Talento Fiorentino.

Sosteniamo il Made in Italy, sempre!!

Iscriviti alla news letter compilando il form a fondo pagina per retare ricevere i miei articoli su Firenze, Toscana a e il Made in Italy.