SCOPRIRSI IN UNA FOTO

Scoprirsi in una foto è quello che è successo a Ilaria che tra i ricordi più cari ha la sua foto in fasce, scattata dalla zia.

Facendo la guida e accompagnatrice turistica, fare foto è diventato un atto quotidiano.

Cerco di fotografare i luoghi che incontro e i turisti, per ricordarmi di loro.

E devo ammettere che la tecnologia mi aiuta tanto, anzi. Fa tutto lei.

Poi però mi capita di vedere foto fatte da chi le foto le fa di professione, chi le fa con passione, chi ha imparato la tecnica.

Scoprirsi in una foto con Ilaria Cicchetto
Scoprirsi in una foto con Ilaria Cicchetto

E rimango a bocca aperta.

Perché ci sono persone capaci di far parlare le foto, di dare vita ai sentimenti di un viso in primo piano, di far uscire da una foto il calore del sole .

Ed è esattamente quello che fa Ilaria, la fotografa di cui vi voglio parlare.

ILARIA E LE SUE FOTO

Ilaria è nata da una famiglia che ha sempre amato la fotografia.

Mi ha raccontato che la prima foto gliela fece la zia, quando era appena nata, sviluppandola nel bagno di casa trasformato in camera oscura per poter fissare un momento cosi importante. Per sempre.

E la fotografia e’ diventata per Ilaria il modo per immortalare i momenti importanti della sua vita, i suoi viaggi, le sue scoperte.

Tanto da trasformare le foto del suo viaggio in India in un documentario da presentare come tesi di laurea ( Laurea in Antropolgia).

Ma, giustamente, la passione non basta. Come in ogni campo, per diventare veramente bravi bisogna anche studiare.

E la fotografia e un settore in cui c’è tanta tecnica da imparare.

Diciamolo, con la tecnologia sembra che sia facile per tutti fare foto. Ma c’è foto e foto.

E Ilaria lo sa. Quindi si e’ rimessa a studiare per riuscire poi a lavorare come fotografa in svariati campi: sport, moda, cinema.

Anche se quello che predilige è fotografare persone, le loro emozioni, le espressioni.

Ed è davvero brava.

Ilaria lavora come fotografa a Firenze e organizza anche corsi di fotografia.

La potete trovare sia su Facebook che Instagram.

Se l’articolo vi è piaciuto, condividete e iscrivetevi alla news letter.

Leave a Comment